Come installare Proxmox VE 7

Come installare Proxmox VE 7

Installa Proxmox VE guida passo passo

Come installare Proxmox VE 7

La guida su come installare Proxmox Virtual Environment è il primo passo per iniziare ad utilizzare la soluzione di virtualizzazione open-source completa che integra hypervisor KVM, LXC containers, funzionalità di storage e networking su un’unica piattaforma.

Offre supporto Enterprise grazie alle Subscription annuale.

Vedremo poi alcune altre operazioni da fare post installazione che renderanno effettivamente pronta la vostra installazione di Proxmox VE 7 senza una licenza enterprise, in modo da provare al meglio questo potente hypervisor. Ci teniamo a consigliare caldamente l’utilizzo delle repository enterprise stabili quando deciderete di utilizzare Proxmox VE in un ambiente di produzione.

Proxmox VE è basato su Debian. Questo è il motivo per cui le immagini disco di installazione (file ISO) fornite da Proxmox includono un sistema Debian completo e tutti i necessari pacchetti Proxmox VE.

L’installer vi guiderà passo passo durante l’installazione, permettendovi di partizionare il disco locale, applicare le configurazioni di base del sistema (per esempio, fuso orario, lingua, rete) e successivamente installerà tutti i pacchetti necessari. Questo processo non dovrebbe richiedere più di qualche minuto. L’installazione con la ISO fornita è il metodo raccomandato per i nuovi utenti e per quelli esistenti.

In alternativa, Proxmox VE può essere installato su un sistema Debian esistente. Questa opzione è raccomandata solo per utenti avanzati perché è richiesta una conoscenza dettagliata di Proxmox VE.

Requisiti di sistema

Quando si utilizza Proxmox in produzione si consiglia di utilizzare un server con hardware alta qualità.

Questa guida vi permetterà di installare Proxmox VE nella modalità più semplice e diretta su storage locale, ma è utile sapere che può utilizzare oltre che allo storage locale anche SAN, NAS, e storage distribuito come Ceph RBD.

Requisiti minimi, per valutare la soluzione

Questi sono requisiti minimi sono solo a scopo di valutazione e non dovrebbero essere utilizzati in produzione.

  • CPU: 64bit (Intel EMT64 o AMD64)
  • CPU/scheda madre con supporto Intel VT/AMD-V per la virtualizzazione completa KVM
  • RAM: 1 GB di RAM, più altra RAM necessaria per i guest
  • Disco rigido con spazio sufficiente per installare Proxmox e i guest
  • Una scheda di rete (NIC)

Requisiti di sistema raccomandati

  • Intel EMT64 o AMD64 con flag Intel VT/AMD-V CPU.
  • Memoria: Minimo 2 GB per il sistema operativo e i servizi Proxmox VE, più la memoria dedicata ai guest. Per Ceph e ZFS, è richiesta ulteriore memoria; circa 1 GB di memoria per ogni TB di storage utilizzato.
  • Storage veloce e ridondante, i migliori risultati si ottengono con SSD.
    • Archiviazione del sistema operativo: Utilizzare un RAID hardware con cache di scrittura protetta da batteria (“BBU”) o non-RAID con ZFS (SSD opzionale per ZIL).
    • Archiviazione VM: Per lo storage locale, usare un RAID hardware con cache in scrittura protetta da batteria (BBU) o non-RAID per ZFS e Ceph. Né ZFS né Ceph sono compatibili con un controller RAID hardware. E’ possibile utilizzare storage su rete come SAN.
  • NIC (Multi-)Gbit ridondanti, con NIC aggiuntive a seconda della tecnologia di storage utilizzata e della configurazione del cluster.
  • Per il PCI(e) passthrough la CPU deve supportare il flag VT-d/AMD-d.

Browser web supportati per accedere all’interfaccia web

Per accedere all’interfaccia web di amministrazione, si consiglia di utilizzare uno dei seguenti browser:

  • Firefox, una versione dell’anno in corso o l’ultima Extended Support Release
  • Chrome, una versione dell’anno in corso
  • Edge, la versione di Microsoft attualmente supportata
  • Safari, una versione dell’anno in corso

Quando si accede da un dispositivo mobile, Proxmox VE mostrerà un’interfaccia leggera e touch-based.

Installazione di Proxmox VE

Ora entreremo nel vivo e inizieremo il processo di installazione, la prima cosa da fare è scaricare proxmox , andando nella sezione proxmox download del sito ufficiale, noi utilizzeremo la versione ISO, troverete sempre l’ultima versione qui: https://proxmox.com/en/downloads/category/iso-images-pve

Quando avremmo scaricato la ISO potremmo masterizzarla su un CD-ROM e avviare il server con questo, oppure consigliamo di utilizzare una chiavetta USB, di seguito troverai le istruzioni per prepararla con i più comuni sistemi operativi.

Preparazione di una chiavetta USB per avviare il server

La chiavetta deve avere almeno 1 GB di memoria disponibile.

Nota: Non usare UNetbootin. Non funziona con l’immagine di installazione di Proxmox VE.

Importante: Assicurarsi che la chiavetta USB non sia montata e non contenga dati importanti.

Istruzioni per GNU/Linux

Sui sistemi operativi Unix-like usare il comando dd per copiare l’immagine ISO sulla chiavetta USB. Prima trova il nome corretto del dispositivo della chiavetta USB (vedi sotto). Poi esegui il comando dd.

# dd bs=1M conv=fdatasync if=./proxmox-ve_*.iso of=/dev/XYZ

Nota Assicuratevi di sostituire /dev/XYZ con il nome corretto del dispositivo e adattate il percorso del nome del file di input (if).

Attenzione: Fate molta attenzione e non sovrascrivete il disco sbagliato!

Trovare il nome corretto del dispositivo USB

Ci sono due modi per trovare il nome della chiavetta USB. Il primo è quello di confrontare le ultime righe dell’output del comando dmesg prima e dopo aver inserito la chiavetta. Il secondo modo è quello di confrontare l’output del comando lsblk. Aprite un terminale ed eseguite:

# lsblk

Poi inserite la vostra chiavetta USB ed eseguite nuovamente il comando:

# lsblk

Apparirà un nuovo dispositivo. Questo è quello che dovete usare. Per essere più sicuri controllate che la dimensione riportata corrisponda alla vostra chiavetta USB.

Istruzioni per macOS

Aprite il terminale.

Convertire il file .iso in .img usando l’opzione convert di hdiutil per esempio.

# hdiutil convert -format UDRW -o proxmox-ve_*.dmg proxmox-ve_*.iso

Suggerimento: macOS tende ad aggiungere automaticamente .dmg al nome del file di output.

Per ottenere l’elenco corrente dei dispositivi eseguire il comando

# diskutil list

Ora inserire la chiavetta USB ed eseguire nuovamente questo comando per determinare device node è stato assegnato. (ad esempio, /dev/diskX).

# diskutil list

 

# diskutil unmountDisk /dev/diskX

 

Nota: sostituisci X con il numero del disco dall’ultimo comando.

# sudo dd if=proxmox-ve_*.dmg of=/dev/rdiskX bs=1m

Si noti che rdiskX, invece di diskX, nell’ultimo comando è inteso. Aumenterà la velocità di scrittura.

Istruzioni per Windows

Usare Etcher

Scaricate Etcher da https://etcher.io. Ti guiderà attraverso il processo di selezione della ISO e del tuo drive USB.

Usare Rufus

Rufus è un’alternativa a Etcher. Scaricate Rufus da https://rufus.ie. Installatelo o usate la versione portatile. Selezionare l’unità di destinazione e il file ISO di Proxmox VE.

Avvio Installazione

Inserire il supporto di installazione preparato (per esempio, chiavetta USB o CD-ROM) e avviare il server da questo dispositivo.

Assicuratevi che l’avvio dal supporto di installazione (per esempio, USB) sia abilitato nelle impostazioni del firmware del vostro server.

Nota: Tutti i dati esistenti sulle unità selezionate per l’installazione saranno rimossi durante il processo di installazione. Il programma di installazione non aggiunge voci nel menu di avvio per altri sistemi operativi preesistente.

Dopo aver scelto la voce corretta (ad esempio Boot from USB) verrà visualizzato il menu di Proxmox VE.

Avvia la normale installazione selezionando “Install Proxmox VE”

Installazione Proxmox

Dopo aver selezionato Install Proxmox VE e accettato l’EULA , apparirà la richiesta di selezionare il disco (o i dischi) di destinazione. Il pulsante Opzioni apre la finestra di dialogo per selezionare il file system di destinazione.

Installazione Proxmox

Il file system predefinito è ext4. Il Logical Volume Manager (LVM) viene usato quando si seleziona ext4 o xfs. Si possono anche impostare opzioni aggiuntive per limitare lo spazio LVM (vedi sotto).

Proxmox VE può essere installato anche su ZFS. Dato che ZFS offre diversi livelli di RAID software è consigliato quando non si dispone di un controller RAID hardware. I dischi di destinazione devono essere selezionati nella finestra di dialogo Opzioni. Altre impostazioni specifiche di ZFS possono essere cambiate in Opzioni avanzate (vedi sotto).

Attenzione: ZFS utilizzato su qualsiasi RAID hardware non è supportato e può causare la perdita di dati.

La pagina successiva chiede le opzioni di configurazione di base come la localizzazione geografica, il fuso orario e il layout della tastiera. La posizione è usata per selezionare un server di download più vicino per velocizzare gli aggiornamenti. Il programma di installazione di solito rileva automaticamente queste impostazioni. Devono essere cambiate solo nel raro caso in cui il rilevamento automatico fallisca o si debba usare un layout di tastiera diverso.

Installazione Proxmox

Poi bisogna specificare la password del superuser (root) e un indirizzo email. La password deve essere composta da almeno 5 caratteri. Si raccomanda di usare una password più sicura.

Alcune linee guida per creare una password sicura sono:

  • Usare una lunghezza minima della password di 12-14 caratteri.
  • Includere caratteri alfabetici minuscoli e maiuscoli, numeri e simboli.
  • Evita la ripetizione di caratteri, schemi di tastiera, parole comuni del dizionario, sequenze di lettere o numeri, nomi utente, nomi di parenti o animali domestici, legami sentimentali (attuali o passati) e informazioni biografiche (data di nascita).

L’indirizzo e-mail viene utilizzato per inviare notifiche all’amministratore del sistema es.:

  • Informazioni sugli aggiornamenti dei pacchetti disponibili.
  • Messaggi di errore dai CRON job periodici.
Installazione Proxmox

L’ultimo passo è la configurazione della rete. Da notare che durante l’installazione è possibile utilizzare un indirizzo IPv4 o IPv6, ma non entrambi, è possibile aggiungere successivamente un indirizzo di uno stack diverso.

Il passo successivo mostra un riassunto delle opzioni selezionate in precedenza. Verifica che le impostazioni siano corrette, nel caso non lo fossero puoi modificarle premendo il pulsante “Previous”.

Se le impostazioni sono corrette premi “Install”. L’installazione inizia a formattare i dischi e a copiare i pacchetti. Attendete che questa fase sia terminata; poi rimuovete il supporto di installazione e riavviate il sistema.

Installazione Proxmox

Nel caso l’installazione fallisca controlla gli errori specifici sulla seconda TTY (‘CTRL + ALT + F2’), assicurati che i sistemi soddisfino i requisiti minimi.

Se l’installazione ha avuto successo e il sistema si è riavviato è possibile collegarsi alla web GUI utilizzando il link indicato nella schermata visualizzata, simile a questo:

Installazione Proxmox

Operazioni Post Installazione

In genere dopo aver installato un sistema operativo la prima operazione che viene avviata da un amministratore di sistema consiste nell’avviare l’aggiornamento di sistema.

Anche su Proxmox VE può essere fatto, ma va considerato che per maggiore stabilità e sicurezza del sistema in produzione Proxmox VE viene configurato con le repository enterprise, queste forniscono i pacchetti stabili, ma sono accessibili solo dopo aver acquistato una sottoscrizione (anche la community).

Per provare Proxmox è comunque possibile aggiornarlo seguendo i prossimi semplici step per utilizzare le repository pve-no-subscription, che forniscono pacchetti più aggiornati, ma potenzialmente non stabili.

Quindi iniziamo:

Effettua il login nella console di amministrazione web ad un url con un browser. Come impostazione predefinita, HTTPS, l’IP impostato durante l’installazione e quindi la porta 8006. simile a questo: https://192.168.1.55:8006

Per modificare i repository procedi su Datacenter e seleziona il nodo es “pve” poi seleziona Updates -> Repositories

Installazione Proxmox

In questa schermata cliccare su “Add” , apparirà la schermata di avviso che non è attiva una sottoscrizione valida, premere OK.

Apparirà la selezione delle Repository, dal menu a tendina selezionare “No-Subscription” e premere “Add”.

Installazione Proxmox

Ora è necessario disabilitare le repository enterprise, per farlo è necessario selezionare con un click la riga che contiene “pve-enterprise”, si attiverà il bottone “Disable”, premete quest’utimo.

Attenzione: sconsigliamo caldamente l’utilizzo delle repository pve-no-subscription per carichi di lavoro di produzione.

A questo punto i repository enterprise saranno disattivati mentre saranno attivi i repository pve-no-subscription.

Per procedere con gli aggiornamenti premere “Updates” -> “Refresh” e poi “Upgrade” , in questo modo si avvierà la procedura di aggiornamento in una finestra del terminale.

Consigliamo poi un riavvio del sistema.

Ultime considerazioni

Con questa guida Proxmox VE è installato con la configurazione di base, ma offre molto di piò, clustering, storage CEPH, High Availability, e molte altre funzionalità che lo rendono un hypervisor enterprise ready.

Per sapere come attivare tutte queste altre funzionalità potete consultare l documentazione ufficiale o partecipare ad un corso di certificazione ufficiale tenuto da un docente italiano.

Argomenti

Seguici

RACKONE è partner Proxmox per l’Italia, scopri i nostri servizi per gli utilizzatori di Proxmox:

proxmox partnerRackOne, è Partner Proxmox per l’Italia, il sistema di Virtualizzazione e Iperconvergenza con caratteristiche Enterprise a costo accessibile per tutte le aziende.

  • Assistenza Proxmox avanzata per la progettazione, implementazione e manutenzione
  • Rivendita licenze Proxmox VE dei piani ufficiali di sottoscrizione
  • Consulenza Proxmox erogata da personale certificato

corsi proxmoxDa oggi come Authorized Proxmox Training Partners vi offriamo i primi corsi di certificazione Proxmox VE in Italia (ed in lingua Italiana) dopo i quali otterrete l’attestato ufficiale.

La formazione completa di Proxmox VE vi aiuta a gestire con facilità l’ambiente di virtualizzazione open source e i vostri nodi cluster ad alta disponibilità.

Parla con un esperto

Puoi annullare l'iscrizione a queste comunicazioni in qualsiasi momento. Per ulteriori informazioni su come eseguire questa operazione, consultare le nostre normative sulla privacy e altre indicazioni su protezione e rispetto della privacy, leggi la nostra Informativa sulla privacy
Come utilizzeremo i tuoi dati:
Potremmo utilizzare i tuoi dati, liberamente comunicati ed acquisiti, per:
- implementare gli ordini di acquisto di prodotti o servizi, attivare o verificare i prodotti o servizi, apportare modifiche su tua richiesta e fornirti assistenza tecnica;
- contattarti, previo tuo esplicito consenso, per invio di informazioni su prodotti e servizi che potrebbero interessarti o per invitarti a sondaggi di mercato o fornirti informazioni di direct marketing;
- svolgere revisioni interne, analisi dei dati e ricerche per migliorare i nostri prodotti e servizi;
- analizzare l’efficienza delle nostre operazioni commerciali e la nostra quota di mercato;
- eseguire servizi di risoluzione dei problemi nel caso in cui tu scelga di inviarci informazioni sugli errori;
- migliorare i nostri programmi di prevenzione della perdita e anti-frode.
Un servizio unico di consulenza, e supporto, risponderà direttamente uno dei nostri specialisti IT​

Siamo a tua disposizione

Parla con noi​

Il servizio unico che ti guida nella scelta dei prodotti e servizi più adatti ai tuoi obiettivi di business online.

Parlerai con un esperto IT

Desideri segnalrci qualcosa? Hai un piccolo dubbio su un nostro servizio? Apri un ticket con i nostri esperti IT.

Risponde un nostro Specialista dall’Italia

[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[a-zA-Z0-9_.+-]
[a-zA-Z0-9_.+-]
[a-zA-Z0-9-]
[a-zA-Z0-9-]
[a-zA-Z0-9]
[a-zA-Z0-9]