Cyber-attacco piega un Distretto in Alaska. Come ci si può difendere?

Cyber-attacco piega un Distretto in Alaska. Come ci si può difendere?

Accostare la sedia alla credenza, montarci sopra, allungarsi sulle punte dei piedi, aprire in un leggero scricchiolio l’ultima anta, quella del vano vicino al soffitto, spostare di lato una vecchia trapunta dimenticata lì da chissà quanto e tirare fuori la polverosa macchina da scrivere che usava il nonno, nei gloriosi anni ‘60.

Vista del porticciolo di Valdez, Alaska

Questa è stata la scena che si è ripetuta in moltissimi uffici e abitazioni la scorsa settimana in Alaska, nel distretto amministrativo di Matanuska Susitna, area metropolitana di Anchorage, e nella città di Valdez, colpite da un attacco informatico ben congegnato che ha reso inutilizzabili computer, server e persino smartphone, facendo ripiombare i due centri urbani indietro di oltre mezzo secolo.

Negozi, musei, comune, scuole, piscine, librerie e diversi servizi e attività commerciali online sono stati messi in ginocchio da un’intrusione astuta e infida, costringendo operatori, pubblici ufficiali e privati cittadini a ricorrere ai ripari come potevano.

«In mancanza di computer e file, gli abitanti della città hanno dovuto lavorare con quello che avevano – ha raccontato il direttore degli affari pubblici di Mat-Su Patty Sullivan – hanno recuperato dagli armadi le macchine da scrivere e compilato a mano ricevute, fatture e liste». Ad infettare le 500 postazioni di lavoro delle due aree, così come 120 server su 150, è stato un complesso arsenale di armi informatiche che ha agito contemporaneamente su più fronti: un trojan Emotet, il ransomware BitPaymer e un’incursione hacker diretta all’interno della rete del distretto, il tutto finalizzato a cifrare i dati presenti nei terminali rendendoli, di fatto, inutilizzabili.

«L’infrastruttura informatica del Distretto, inclusi PC e laptop, la gran parte dei server, i telefoni collegati alla rete e lo scambio di email sono strumenti che sono stati compromessi. Il cyber-attacco ha causato gravi interruzioni nei servizi del Distretto e una perdita di produttività che potrebbe protrarsi per diverso tempo. Ad ogni modo, lo staff del reparto IT sta lavorando duramente e i fornitori di servizi IT sono stati ingaggiati a costi significativi», ha dichiarato il rappresentante dell’Assemblea distrettuale Ted Leonard, in chiusura di un incontro sulla questione.

Un vero e proprio cataclisma informatico, insomma, intorno al quale Mat-Su e Valdez stanno ancora indagando, avvalendosi anche delle competenze dell’FBI.

Ma di fronte a fatti del genere, c’è un modo per correre ai ripari? La risposta, fortunatamente, è sì.

Per proteggersi dal rischio di ransomware, ovvero quel genere di malware che limita l’utilizzo del dispositivo che infetta cifrando i dati e chiedendo un riscatto (ransom, appunto) per decrittarli, accordo che tra l’altro spesso non viene mantenuto neanche a seguito del pagamento, Rackone mette a disposizione una soluzione ideale per tenere al sicuro i file riguardanti il proprio business o la propria attività.

Si chiama RACK Cloud Backup DR, e consiste nella preparazione di copie di sicurezza dei dati aziendali e nella loro custodia in luoghi protetti: di fronte a imprevisti di ogni genere, dal guasto del sistema all’incendio, dalla cancellazione involontaria appunto a ransomware e virus Cryptolocker, questa precauzione può fare la differenza, conservando intatte informazioni di importanza cruciale per l’impresa, l’ente o il privato.

Quest’opzione coniuga le performance di un’avanzata piattaforma software e l’enorme risorsa del nuovo Datacenter di RackOne, per un’offerta che può quindi contare su una sala blindata (caveau) di grado C, una connettività su Banda Ultra Larga, un’assistenza professionale da parte dello staff tecnico, e una locazione sicura su territorio italiano, a Noventa di Piave in Veneto, in cui sarà sempre e comunque possibile trovare i propri dati.

Perché se non c’è nulla di male nel battere una lettera a macchina, magari anche beandosi del ritmico ticchettio dei tasti, l’importante è non trovarsi costretti a farlo dopo aver perso enormi quantità di documenti.

Lo skyline di Anchorage, Alaska

 

Per ulteriori informazioni sul nostro servizio RACK Cloud Backup DR: https://www.rackone.it/cloud-backup/

Per ulteriori aggiornamenti sulla vicenda delle sventurate Matanuska Susitna e Valdez: https://www.matsugov.us/news/mat-su-declares-disaster-from-cyber-attack/

Potrebbe anche interessarti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Argomenti

Seguici

[a-zA-Z0-9_.+-]
[a-zA-Z0-9_.+-]
[a-zA-Z0-9-]
[a-zA-Z0-9-]
[a-zA-Z0-9]
[a-zA-Z0-9]
[name=name]
[name=name]
[name=email]
[name=email]
[a-zA-Z0-9_.+-]
[a-zA-Z0-9_.+-]
[a-zA-Z0-9-]
[a-zA-Z0-9-]
[a-zA-Z0-9]
[a-zA-Z0-9]
[name=name]
[name=name]
[name=email]
[name=email]
[i]
[i]